martedì 1 agosto 2017

6 AGOSTO RICORDANDO HIROSHIMA

TAVOLO PER LA PACE DEL MIRANESE

LA  PACE E IL DISARMO NUCLEARE NEL 72esimo ANNIVERSARIO DELLO SGANCIO DELLA PRIMA BOMBA ATOMICA AD HIROSHIMA




Nel 72esimo anniversario dello sgancio della bomba su Hiroshima (Giappone), il 6 agosto 1945 è importante non dimenticare mai la devastazione e le conseguenze dell’utilizzo di un ordigno nucleare.

La Pace non è scontata: va costruita giorno per giorno attraverso il ricordo, e gesti quotidiani concreti.

La nostra Associazione CDAT che fa parte già dal 2016 del Tavolo per la pace di Spinea,
il 5 e 6 agosto, assieme alle altre Associazioni, tra le quali l'ANPI di Spinea, l'ANPI di Mirano, l'ANPI di Noale, il Centro per la Pace Mirano, il Centro Culturale Islamico SALAMEmergency Miranese, Libera del Miranese, Associazione Buddista SOKA GAKKAI, Beati i Costruttori di Pace - Bcp, patrocinate dalle Amministrazioni Comunali di Spinea, Mirano, Salzano e Noale che ospita nella Rocca il clou della manifestazione, sarà impegnata nelle iniziative che si svolgeranno nelle piazze dei quattro comuni del Miranese.


Sabato 5 agosto alle ore 10.30 in piazza Municipio a Spinea ci sarà il primo dei flashmob organizzato grazie alla collaborazione con l'Associazione Buddista Soka Gakkai nell’ambito delle iniziative per la sensibilizzazione per la Pace e il disarmo nucleare.

Per il giorno 6 agosto:

·        Alle 8.15 in tutti e quattro i Comuni si potranno sentire 43 rintocchi delle campane;

·        Alle 9.30 a Mirano in Piazza Martiri, si svolgerà il secondo flashmob tenuto dalla Soka Gakkai;

·        Alle 10.30 il terzo flashmob si svolgerà a Salzano, presso il sagrato della chiesa.

Durante i flashmob saranno letti brani del "ManifestoRussel-Einstein;

·        Alle 10.0 a Mirano, presso villa 25 aprile – incontro con A. Pascolini “il trattato di non proliferazione” e successivamente alle ore 11.00 si inaugurerà la mostra dell'artista Bruno Tonolo appositamente realizzata per ricordare Hiroshima dal titolo "Il Re sole e la sua caduta".



·  A Noale in piazza Castello, alle 17.30, saranno accolti i partecipanti alla marcia “Pace in Bici” dei Beati Costruttori di Pace, dove faranno tappa per ripartire lunedì mattina per  la base militare di Aviano dove andranno a testimoniare la loro contrarietà alla guerra e al nucleare;

·     alle 18.00, alla Rocca ci saranno laboratori;

·   alle 21.00, sempre alla Rocca dei Tempesta, si svolgerà lo spettacolo teatrale - Storie atomiche. Epigoni di una bomba - scritto e recitato da Irene Silvestri e Matteo Campagnol.


SCENOGRAFIA DELLO SPETTACOLO SU HIROSHIMA


INGRESSO LIBERO

La nostra associazione sarà presente assieme alle altre con un gazebo.

PARTECIPATE NUMEROSI

per chi vuole leggere il MANIFESTO DI RUSEEL-EINSTEIN cliccare qui




------------------- SONO AMICI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE --------------------
 LIBRERIA ALBACHIARA            OTTICA BERTO DI CIAN AMALIA    
                     Libreria ALBACHIARA            Ottica BERTO di A. Cian            Pizzeria BARONE ROSSO

lunedì 3 luglio 2017

FINALMENTE RIAPERTI IL BOSCO DEL PARAURO E L'OASI LYCAENA

IL BOSCO DEL PARAURO E L’OASI LYCAENA FINALMENTE RIAPRONO

Dopo una chiusura di alcuni anni, nel maggio scorso, sono state riaperti il Bosco Parauro di Mirano e l’Oasi Lycaena di Salzano, due splendide aree di rilevante interesse naturalistico e paesaggistico.
A rendere possibile questo piccolo grande miracolo è NAPEA, il raggruppamento di cinque associazioni di volontariato  che comprende Legambiente Riviera del Brenta (capogruppo), Laguna Photografica, Legambiente del Miranese, VAS Venezia, WWF Venezia e territorio.
Queste le associazioni che hanno avuto in assegnazione la gestione delle due oasi tramite un bando della ex Provincia (ora Città Metropolitana).
Il Parauro è un bosco planiziale tipico della pianura veneta, che si estende su una superficie di circa 15 ettari, non distante dal nuovo ospedale di Mirano, lungo la via Parauro che collega Mirano a Salzano.                                                                                                   Nel bosco, che è visitabile seguendo un agevole sentiero ad anello, è presente una fauna molto varia comprendente specie selvatiche tipiche della pianura; è anche un’importante zona di rifugio per uccelli migratori.                                                                   Il sito, di proprietà della Città Metropolitana, comprende anche l’Azienda dell’Istituto Agrario Lorenz. Una pista ciclabile lo rende facilmente raggiungibile in pochi minuti dal centro del paese.

L’ Oasi Lycaena di Salzano è una zona SIC (Sito di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zona di Protezione Speciale), area umida tra le più vaste del Veneto (circa 60 ettari) derivante da una ex cava di argilla, dove, a partire dal 2006, il Consorzio di Bonifica Acque Risorgive ha avviato un progetto di fitodepurazione del fiume Marzenego realizzando numerosi specchi acquei di diversa profondità che hanno reso questo biotopo una delle zone umide più interessanti dell'entroterra veneziano.                                                                                   L’Oasi è caratterizzata da numerose specie arboree e oggi rappresenta un importante sito di nidificazione per numerose specie di uccelli.                                                                             È visitabile seguendo un facile sentiero, dal quale è possibile osservare gli animali che popolano gli stagni senza disturbarli.
NAPEA ha presentato un progetto della durata di tre anni, che prevede la possibilità di visitare liberamente e gratuitamente le due oasi ogni prima e terza domenica da marzo a ottobre e la prima domenica da novembre a dicembre. Aperture straordinarie sono previste in occasione di manifestazioni pubbliche. Il progetto prevede anche visite guidate, laboratori, corsi, che renderanno fruibili alla cittadinanza e alle scuole questi due bellissimi luoghi nel rispetto della loro delicata specificità. Già da giugno saranno attivati laboratori didattici estivi per bambini.


ALLA SCOPERTA DELL' OASI LYCAENA

L'Oasi si trova in Via Leonardo da Vinci 59 Località Villetta – Salzano 


Quella che è oggi l’Oasi Lycaena a metà degli anni ’50 del secolo scorso era una cava da cui si estraeva argilla per la produzione di mattoni.                                                           Negli ultimi vent’anni, non subendo ulteriori interventi da parte dell’uomo, ha potuto evolvere recuperando molte caratteristiche di naturalità e acquisendo una forte valenza ecologica, tanto da essere riconosciuta quale Zona a Protezione Speciale e Sito di Interesse Comunitario.
Della superficie totale di 60 ettari due terzi sono occupati dalle zone a bosco mentre nella parte centrale, circa 20 ettari, costituita da stagni di diversa profondità, il Consorzio di Bonifica ha realizzato una vasta area di fitodepurazione delle acque del fiume Marzenego, lungo l’argine del quale si sviluppa parte del percorso attrezzato.      




Numerose le specie animali presenti e osservabili dai visitatori:                                               nelle aree boschive il picchio, la poiana, la gazza, le cince, il fringuello; nelle zone umide il germano reale, la folaga, la gallinella d’acqua, la garzetta, l’airone cinerino e il raro airone bianco maggiore.              
                                                                                                         

Tra gli insetti segnaliamo la farfalla Lycaena, specie rara a livello europeo e simbolo dell’Oasi stessa.
Ambito naturalistico di proprietà della Città Metropolitana e del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive (in gestione all’Associazione NAPEA 2017-2020).




BREVE GUIDA AD ALCUNE DELLE SPECIE PRESENTI NELL’OASI LYCAENA

AGLIO ANGOLOSO (Allium angolosus), Pianta erbacea perenne bulblifera, alta dai 20 ai 50 centimetri.  Come tutte le piante del genere Allium, emana un forte odore caratteristico.

LICENE DELLE PALUDI (Lycaena dispar) La Licena delle paludi appartiene all’ordine dei Lepidottera ed alla famiglia dei Lycaenidae un gruppo di farfalle di dimensioni mediamente ridotte, con colori estremamente vivaci e presenti in tutti i continenti.

TARTARUGA PALUSTRE EUROPEA (Emys orbicularis) - La testuggine palustre europea è una testuggine della famiglia delle Emydidae. Sono animali piuttosto timidi tanto da rifugiarsi in acqua al primo segnale di disturbo.
Sono tartarughe stanziali ed abitudinarie, legate all’ambiente acquatico nel quale trascorrono gran parte del loro ciclo vitale.





RAGANELLA ITALIANA (Hyla intermedia) - L’Hyla intermedia vive su alberi, zone cespugliose o canneti in zone abbastanza umide. Preferisce aree pianeggianti e collinari. Nel periodo primaverile-estivo gli adulti si recano nelle raccolte d’acqua dove si riproducono.

ONTANO NERO (Alnus glutinosa) - L’ontano nero è un albero alto intorno ai 10 metri, con corteccia fessurata longitudinalmente, di colore verde-bruno. Il legno e le radici hanno una caratteristica colorazione variabile dal giallo-aranciato al rosso-aranciato

VISITARE L’OASI, una visita alla scoperta delle specie vegetali e animali che abitavano in origine i boschi delle pianura veneta.



 APERTURE E ORARI

- da Marzo a Ottobre  - apertura la prima e la terza domenica del mese e le altre festività;
- da Novembre a Febbraio - apertura la prima domenica del mese.

Orario di apertura:
- dalle 9 ad un’ora prima del tramonto.

Aperture straordinarie su richiesta.

Si effettuano visite guidate, laboratori didattici e altre attività su richiesta.


PER INFORMAZIONI
Associazioni per il Presidio e l’Educazione Ambientale OASI LYCAENA
Via Leonardo da Vinci 59 Località Villetta - Salzano
Oasi Lycaena   www.napea.ve.it
OASI LYCAENA
Via Leonardo da Vinci 59
Località Villetta – Salzano


-------------------------------------------------------------------
Bosco del Parauro
Una visita alla scoperta delle specie vegetali e animali che abitavano in origine i boschi delle pianura veneta.
Via del Parauro, Mirano – Venezia

APERTURE E ORARI
Da Marzo a Ottobre apertura la prima e la terza domenica del mese e le altre festività;
da Novembre a Febbraio apertura la prima domenica del mese.
Orario di apertura:
dalle 9 ad un’ora prima del tramonto
Aperture straordinarie su richiesta.
Si effettuano visite guidate, laboratori

didattici e altre attività su richiesta.

PER INFORMAZIONI

NAPEA
Associazioni per il Presidio
e l’Educazione Ambientale
BOSCO DEL PARAURO
Via Parauro 84, Mirano
(il bosco del Parauro è attiguo all’Azienda agraria dell’Istituto “8 marzo - K. Lorenz di Mirano”)


Bosco del Parauro
Il Bosco del Parauro, situato alla periferia dell’abitato di Mirano, è un bosco di pianura ed è il risultato di un buon intervento di valorizzazione di ex terreni agricoli.
Il bosco, è situato nell’area nord-ovest della provincia di Venezia, in comune di Mirano. Il territorio è quello tipico della centuriazione romana: appezzamenti regolari baulati divisi dalle siepi e dalla rete idrica di allontanamento delle acque, da strade rettilinee che si intersecano con regolarità ad angolo retto. Il Bosco del Parauro, che prende nome dal vicino corso d’acqua, si colloca in questo contesto paesaggistico. La storia del “Parauro” come proprietà pubblica inizia nel 1967 anno in cui il fondo venne acquistato dalla Provincia di Venezia. Il fondo venne coltivato prima da privati, poi direttamente dalla Provincia, finché nel 1990 l’amministrazione provinciale decise di individuare per questi venti ettari un utilizzo diverso dalla tradizionale agricoltura:
· un bosco naturalistico di circa 15 ettari con preminente impronta naturalistica e funzione didattica;
· una zona tenuta a campi sperimentali per l’arboricoltura da legno, di circa 5 ettari;
· un vivaio di circa 2 ettari dove si coltivano essenzialmente specie autoctone con il preciso intento di diffonderne la coltura in alternativa alle conifere e alle specie esotiche e che fornisce piante tipiche della pianura che le amministrazioni locali possono utilizzare per interventi di verde pubblico.
Quest’ultimi a causa del mancato utilizzo e gestione oggi sono stati inglobati nell’impianto boschivo.
Nell’area a bosco naturalistico la scelta delle specie, sia arboree che arbustive, è avvenuta basandosi sui dati provenienti dai rilievi floristici effettuati nei boschi relitti e analizzandone attentamente la composizione e la dominanza. Nel bosco sono state piantumate oltre 40.000 piante giovani di specie autoctone cercando di dar vita ad un ambiente naturalistico che seppur costruito artificialmente richiamasse concettualmente i boschi che originariamente occupavano la pianura veneta.
Questa scelta nasce dalla volontà di distaccarsi dal tradizionale concetto di parco pubblico e perciò gli impianti sono stati realizzati creando file ad andamento ondulato allo scopo di evitare l’"effetto pioppeto" e favorire lo sviluppo "naturale" del bosco, inteso come disordine e casualità nella crescita delle piante.
presente anche con percorsi didattici in forma di laboratori in modo tale che i ragazzi stessi diventino promotori di una cultura di valorizzazione e conservazione degli ambienti naturali.
Il bosco si trova in via Parauro sulla Sp35 Mirano-Salzano. Per chi proviene da Mirano: passato l’ingresso nuovo dell’ospedale, dopo la rotonda proseguire in direzione Salzano; dopo 200 metri sulla destra si arriva a destinazione.
Si tratta di sem­plice escur­sione nel bosco pla­ni­ziale che si trova in comune di Mirano (in via Para­uro), esem­pio con­creto dell’antica fore­sta che un tempo rico­priva tutta la pia­nura padana. Sarà pos­si­bile osser­vare tutte le prin­ci­pale spe­cie arbo­ree tipi­che del ter­ri­to­rio e, con un po’ di for­tuna, anche qual­che esem­pio della fauna locale.
   
Flora e fauna del Parauro

PICCHIO ROSSO (Dendrocops Major) Specie molto adattabile, è presente nei boschi
sia di conifere sia di latifoglie, nelle campagne alberate e perfino nei parchi cittadini; può nidificare dal fondovalle sino al limite superiore delle foreste e scava i nidi su un’ampia gamma di essenze:
particolarmente frequente è l’utilizzazione di grandi castagni da frutto, larici ai margini
dei pascoli, pioppi e ciliegi. In Italia è una specie protetta.


ROSA CANINA (Rosa canina) La rosa canina è la specie
di rosa spontanea più comune in Italia, molto frequente nelle siepi e ai margini dei boschi.    
È l’antenata delle rose coltivate





 

FARNIA (Quercus robur) Grande albero, può raggiungere 50 metri di altezza. La foglia è caduca, glabra, lobata, con picciolo brevissimo. I rametti dell’anno sono lisci e lucidi.
La ghianda è sostenuta da un lungo peduncolo, il più evidente carattere distintivo rispetto alle altre querce.


RANA DI LATASTE (Rana latastei) È una specie di piccole dimensioni. Il colore di
fondo della livrea è bruno rossiccio con due evidenti strisce scure che partono sottili dalla narice, arrivano all’occhio, proseguono e coprono il timpano.



FUSAGGINE (Euonymus europaeus) Alta dai 3 agli 8 metri, durante la primavera forma
dei piccoli fiori bianchi ermafroditi che, in autunno, danno origine ai caratteristici frutti rossi. È una pianta velenosa.


Nel bosco è presente numerosa fauna rappresentante di specie autoctone di pianura e animali allo stato semi selvatico.
Ancor più interessanti sono le valenze floristiche, con la possibilità di seguire le varie fasi della lavorazione e dello sviluppo. oltre  specie arbustive quali:
biancospino;
corniolongola;
fusaggine;
lantana;
ligustrello;
nocciolo;
olivello spinoso;
pallon di maggio;
prugnolo;
rosa canina;
spincervino;

 

Bosco del Parauro è un bosco di pianura di circa 15 ettari, inserito nel contesto paesaggistico tipico della centuriazione romana, derivante dalla trasformazione di una precedente area agricola di proprietà della Provincia di Venezia ora Città metropolitana, avvenuta tramite la piantumazione di oltre 40.000 piante giovani di specie autoctone cercando di dar vita ad un ambiente naturalistico che seppur costruito artificialmente
richiamasse concettualmente i boschi che originariamente occupavano la pianura veneta. L’albero più rappresentativo del bosco è la farnia.


Nel bosco è presente fauna molto varia comprendente specie selvatiche tipiche della pianura ed è anche un’importante zona di rifugio per le specie migratorie minori (tordi, cesene, fringillidi).
All’interno del bosco si sviluppa un sentiero attrezzato facilmente percorribile di circa 1300 metri.
Ambito forestale di proprietà della Città Metropolitana (in gestione all’Associazione NAPEA 2017-2020).


www.napea.ve.it
Associazioni per il Presidio
e l’Educazione Ambientale

V.F.R.


------------------- SONO AMICI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE --------------------
 LIBRERIA ALBACHIARA            OTTICA BERTO DI CIAN AMALIA    
                     Libreria ALBACHIARA            Ottica BERTO di A. Cian            Pizzeria BARONE ROSSO

martedì 13 giugno 2017


          FESTAMBIENTE 2017 a Spinea  18 giugno -             Parco NUOVE GEMME dalle 10,00 alle 22,00 

Domenica 18 giugno 2017 al Parco Nuove Gemme di Spinea si svolgerà la seconda edizione di FestAmbiente del Miranese, filo conduttore l’INQUINAMENTO, dell’aria, dell’acqua, della terra.
Legambiente Circolo del Miranese in collaborazione con CDAT Spinea,   organizza come per l’anno  scorso nella città simbolo, per densità abitativa, tutta una giornata su ambiente e inquinamento, la consueta kermesse sul modello delle tante analoghe feste che si svolgono in tutta Italia.
Nella cornice   parco più bello di Spinea FESTAMBIENTE si svolgerà dal mattino  fino a sera, con inizio dalle ore 10,00 con giochi/laboratori ambientali tenuti dal WWF Cea per i ragazzi al mattino, seguito da dimostrazioni i Judo giovanili tenute dall’Associazione Budo Yama Arashi Spinea, oltre ad una Performance musicale della scuola musicale ART INC CAMP con gli alunni della Scuola Nievo Spinea.
La festa continua nel pomeriggio alle ore  15,00  con l’esibizione di Thai Chi alla quale seguirà alle ore 16,00  un DIBATTITO con rappresentanti del Forum dell’aria e un rappresentante dell’Amministrazione Comunale, con a tema: Inquinamento di aria, acqua, terra che fare?.
Il pomeriggio musicale comincia alle 17,00  con la musica dei C.M.P. Acoustic Band, alle ore 18,00 col Duo The Sliding Doors , alle 19,00 con gli   Evolution Calssic Rock ed infine alle ore 20,30 l’attesa proiezione del film “Bandiza” storie venete di confine.
Per tutto il giorno ci saranno mercatini artigianali e non con esposizione di auto elettriche e pannelli solari ad irradiazione che segueno lo spostamento del sole.
Durante la giornata saranno organizzati giochi per i più piccoli e a richiesta visite guidate WWF all’Oasi Nuove Gemme.
Sarà presente un equipe di volontari della Croce Rossa che eseguiranno a richiesta prove di  glicemia e pressione arteriosa.
Mostre: sui danni da fumo -50 disegni dei studenti elementari e medie della Riviera del Brenta coordinata dallo S.E.P.S .dell’ULSS 3 Serenissima di Dolo e sull’INQUINAMENTO  da POLVERI SOTTILI – a cura del CDAT Spinea.
Hanno aderito e saranno presenti con i loro gazebo le seguenti Associazioni:
EMERGENCY Mirano - FIAB SPINEA AmicaBici -  Gruppo SOLIDALIA - LIBERA Mirano - LAV Venezia -FORUM DELL’ARIA- WWF CEA Spinea - CESVITEM Mirano -CROCE ROSSA ITALIANA
FESTAMBIENTE è inserita nel programma degli eventi di COLORS 2017 in collaborazione con  la Cooperativa Solidalia che gestisce il Parco Nuove Gemme.

Vincenzo Rino Franzin CDAT Spinea




------------------- SONO AMICI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE --------------------

 LIBRERIA ALBACHIARA             OTTICA BERTO DI CIAN AMALIA    

       Libreria ALBACHIARA            Ottica BERTO di A. Cian            Pizzeria BARONE ROSSO

domenica 21 maggio 2017

PULIAMO IL MONDO....da Spinea

PULIAMO IL MONDO…. da SPINEA 
21 MAGGIO 2017
 

Una bellissima giornata di sole ha accompagnato l’iniziativa di PULIAMO IL MONDO … da Spinea.
La prima edizione a Spinea della campagna di sensibilizzazione che LEGAMBIENTE sta portando avanti in tutta Italia e che ogni anno viene proposta a livello nazionale in autunno.
Il progetto di Spinea nasce in primavera da una collaborazione del CDAT Spinea con LEGAMBIENTE Miranese e CNGEI scout Spinea.

A  Spinea oggi si sono raggiunti due grandi obiettivi: lanciare un messaggio forte per il rispetto dell’ambiente e la cura anche della singola area della città e un altrettanto importante messaggio di impegno per l’integrazione e l’accoglienza verso chi scappa da guerre e persecuzioni.
Una quarantina in tutto, tra scout,  volontari delle tre associazioni e i rifugiati migranti ospiti dei centri SPRAR di Spinea e Mirano, hanno dato via ad un incontro speciale, dove insieme hanno potuto conoscersi, scambiarsi interessi e lavorare insieme per la pulizia del mondo, appunto partendo da Spinea.

Il luogo scelto è stato quello di un piccolo parcheggio adiacente alla scuola Dieffe e la via delle industrie, per poi arrivare fino al parco san Rocco e alla sua area giochi.
Prima dell’inizio della vera e propria pulizia è stato proposto a tutti i partecipanti un gioco per fare conoscenza, permettendo ai migranti presenti e viceversa di conoscersi, di capire più a fondo i motivi della loro partecipazione e quindi di  potersi integrare con tutti.

A tutti è stato consegnato l kit prodotto da LEGAMBIENTE nazionale consistente in un cappellino, una pettorina e dei guanti; poi a gruppi di 4 con guanti e sacchetti i partecipanti hanno cominciato la vera e propria pulizia.

Sono stati raccolti in meno di due ore circa 1300 litri di spazzature, tra lattine, carte, sacchetti e mozziconi di sigarette e molto altro.

Il Comune ha preventivamente fatto posizionare dalla Veritas due cassonetti da mille litri l’uno, dove poter mettere i sacchetti coni rifiuti raccolti.









Si ringrazia la ditta Marigraph di Mirano per la personalizzazione delle pettorine dei Kit di Puliamo il mondo coi loghi delle tre associazioni  e naturalmente un ringraziamento particolare atutti i partecipanti.

VF Cdat Spinea


............................................................................................................

------------------- SONO AMICI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE --------------------


 LIBRERIA ALBACHIARA             OTTICA BERTO DI CIAN AMALIA           

       Libreria ALBACHIARA            Ottica BERTO di A. Cian            Pizzeria BARONE ROSSO